Senza categoria

Osteria al 55

24 febbraio 2015 • By

Per cominciare il nostro viaggio, vorrei portarvi all’Osteria al 55, un ristorante la cui filosofia è sorprendente: cucina vegetariana (e vegan) per non vegetariani.

Qui i sapori sublimi, i profumi inebrianti e la gioia per gli occhi si sposano nei piatti originali e sapori nuovi proposti dagli chef.

Ve li presento. Carlo Codarini vi accoglie all’entrata e vi tiene compagnia in sala: è affettuoso e premuroso e vi racconta volentieri, ma con discrezione, la storia di ogni piatto.

Michele Marino, invece, lo trovate sempre in cucina. Ex giornalista e studioso di lingue orientali, ha cominciato alla scuola francese, per poi specializzarsi in piatti vegetariani e vegani, con incursioni nel mondo del crudismo. Michele ha confessato che il segreto per rendere speciale ogni suo piatto sta nel “far parlare ed ascoltare” le verdure, insomma di conoscerle perché “noi siamo quello che mangiamo”.

Michele e Carlo utilizzano prodotti a chilometro zero, combinati magistralmente con spezie e pietanze da tutto il mondo.

Il piatto che mi ha rubato il cuore è stato quello a base di gnocchetti di patate viola con salsa di cavolo rosso. Poi ho provato una chèvre chaude con crostini di formaggio di capra, eredità della scuola francese unita all’innovazione di Michele. Dulcis in fundo, una strepitosa cheesecake al gorgonzola con cavolo nero.

Una libidine per i sensi … il ristorante giusto per sfatare la leggenda che mangiare vegetariano o vegano equivale a rinunciare a gusto e sapore.

Non siete ancora convinti?

L’Osteria al 55, che ricorda un locale stile anni ‘60/’70, propone anche un menù degustazione a 39€ che prevede un tris di antipasti, un primo, un secondo e un dolce.

A la carte trovate poi altri piatti deliziosi come il risotto saltato con curcuma e raquefort, la millesfoglie di carciofi, noci e polpa di porcini, la tempura di verdure di stagione, i capunet – polpettine di grano saraceno in sfoglie di verza – alla cinese con verdure al salto.

Vi consiglio anche la dark salad: castagne d’acqua cinesi, radice di loto, gambuta, patate viola, mangostano e carote nere. Non è la classica insalatina foglioline verdi e pomodorini, vero?

Per concludere, se site in dolce compagnia, suggerisco un cuore caldo al cioccolato con panna montata al ras el hanout, una spezia simile al curry. Più adatti forse al periodo estivo, invece, i sorbetti alla frutta –da provare quello al rabarbaro – o lo yogurt indiano in versione vegan.

Adoro questo ristorantino: delizioso, ma anche coraggioso, che ha saputo sdoganare un tipo di cucina troppo spesso considerata d’élite, riuscendo quindi a interpretare la cucina vegetariana a vantaggio di tutti i palati.

Osteria al 55
Via Messina 55
02/49752286
www.osteriaal55.it

una buona gustosa lettura … I.