Browsing Tag

pesce

Expo, Food, Il giardino delle delizie

Ricetta dell’Executive Chef Mario Cimino

23 maggio 2015 • By

GAMBERI ROSSI DI MAZZARA AL VAPORE SU MAIONESE AL BASILICO E SCHIACCIATA DI PATATE ALL’OLIO EXTRA VERGINE, ricetta firmata dall’EXECUTIVE CHEF MARIO CIMINO del RISTORANTE ITTICO di COMO.

Ingredienti per 4 persone:
– 12 Gamberi rossi di Mazzara del vallo Freschi
– 3 Patate medie
– 250 cl circa di Olio di Semi di Girasole
– Succo di ½ Limone
– Aceto bianco leggermente tiepido 3 gr
– Basilico 1 mazzetto
– 2 Tuorli d’Uovo
– Sale e Pepe Rosa
– Olio extra Vergine q.b.
– Timo, 1 carota, 1 costa di sedano, ½ cipolla bianca, bacche di ginepro, vino bianco

Procedimento:
Mettere a bollire le patate in acqua salata. Nel frattempo sgusciare i gamberi e eliminare il filo nero (l’intestino).

Mettere sul fuoco una pentola di acqua con tutte le verdure, gli aromi e lasciare bollire per circa 10 minuti, a questo punto aggiungere le code di gambero e cuocere per circa 2/3 minuti, scolare e coprire con la pellicola.

Preparare la maionese: prendere l’olio metterlo in un contenitore per il frullatore a immersione, aggiungere le foglie di basilico e frullare tutto per qualche minuto fino a quando non diventi verde. Filtrare il tutto per eliminare i pezzetti delle foglie di basilico e mettere da parte.

In una ciotola dai bordi alti versare i tuorli, il succo di limone e con il frullatore elettrico iniziare a montare aggiungendo a “filo di capello” l’olio al basilico preparato precedentemente, appena montato intiepidire l’aceto e versarlo.

A cottura ultimata pelare le patate e schiacciarle aiutandovi con uno schiacciapatate, condire con un filo di olio extra vergine, sale e pepe.

Comporre il piatto nel seguente modo:
Aiutandovi con un coppa pasta, adagiatelo su di un lato del piatto e riempire con la schiacciata di patate, con un sacco a poche formare dei “mucchietti” di Maionese dove andrete ad adagiare i gamberi precedentemente bolliti e conditi con olio e limone.

Sara Biondi


Expo, Food, Il giardino delle delizie

A TU PER TU CON LO CHEF MARIO CIMINO

21 maggio 2015 • By

Executive Chef del rinomato Ristorante Ittico di Como. Una lunga carriera in giro per l’Italia in esclusivi ristoranti ed hotel di lusso dove ha portato in tavola una cucina semplice, capace di stupire. Piatti che coinvolgono il cuore e la mente.

Come definisce la sua cucina?
La mia cucina è una “Classica Cucina Mediterranea” con alcuni sfumature “fusion”. Una cucina attenta alla qualità delle materie prime che sono fondamentali affinchè un piatto risulti buono e gustoso. Al Ristorante Ittico di Como propongo un menù che porta in tavola la qualità delle materie prime e pesce sempre fresco. Piatti della tradizione mediterranea rivistati però con creatività.

Ha un piatto particolare che per lei rappresenta al 100% la sua idea di cucina sana ma gustosa?
Nella preparazione dei miei piatti uso solo olio extra vergine. Non utilizzo burro, panna o brodi che non siano preparati nella mia cucia con verdure di stagione, pesce o carne di qualità. Uno dei piatti a cui sono particolarmente affezionato sono i Rigatoni agli Scampi. Si tratta di uno dei miei primi piatti realizzato vent’anni fa.

Quanto è importante la qualità della materia prima e la stagionalità dei prodotti?
Nella mia cucina, la prima cosa in assoluto che conta è la qualità dei prodotti. Seguo molto la stagionalità delle materie prime che utilizzo per i miei piatti. Ora si trovano nei miei menù: gli asparagi, i piselli, le fave, le zucchine bianche e tutto quello che la TERRA (e non le SERRE!) offre. Mi piacerebbe molto avere un piccolo dove poter coltivare le materie prime che poi utilizzerei al ristorante.

Cosa pensa di Expo2015?
Penso sia una buona opportunità per l’Italia anche se, devo essere sincero, fino ad ora non ho visto così tanti risultati. La cosa che mi dispiace è che la manifestazione è a “porte chiuse” nel senso che se non sei quel qualcuno è davvero molto difficile farsi notare.

Sara Biondi


Food, Il giardino delle delizie

Fishbar de Milan

31 marzo 2015 • By

Fishbar de Milan, nuovo concept di ristorazione ricercata e allo stesso tempo informale, nasce nel cuore di Brera in Via Montebello 7. Qui sorgeva il laghetto di San Marco, considerato fino agli anni 30’ uno dei porti della città.

Lo dice il nome stesso, il locale ha come protagonista assoluto il pesce letto in diverse chiavi e portato in tavola non solo attraverso ricette della tradizione italiana ma anche attraverso i must della cucina internazionale, da quella americana fino a quella asiatica o del Nord Europa. Questo il concetto alla base di questa nuova avventura ristorativa.

Atmosfera calda, tavolini piccoli e vicini ma senza la sensazione di essere in uno dei soliti bistrot affollatissimi: il clima informale ma mai invasivo del servizio è un ottimo coadiuvante mentre spulciamo il menu o guardiamo la lavagnetta con tutto il pescato fresco del giorno, compresi diversi tipi di ostriche.

Ogni giorno gli chef propongono prodotti freschi, genuini, biologici e di qualità. In carta i piatti fissi sono quelli più sfiziosi: Fish&Chips di cuore di merluzzo impanato con pane panco accompagnato da patatine stick al curry,  Salmon Steak con insalatina di alghe e patate al forno, o ancora il Fish Burger fatto con pane di lievito madre, cuore di merluzzo impanato con pane panco, pomodoro, lattuga, cetriolo, cipolla, mayonese roasabi. In menu anche svariati contorni per accostare i diversi piatti come chips alla paprika, patate al forno ai profumi del mediterraneo, nachos e guacamole, pannocchia con burro aromatizzato.

Il pane viene realizzato artigianalmente e sfornato ogni mattina dal panificio di fiducia: i F.lli Longoni.

Una selezione di birre assolutamente apprezzata dai più esperti e dai più curiosi. I vini sono ricercati e proposti in abbinamento ai piatti di pesce e infine i cocktail sono originali e con ingredienti di prima qualità. Una vasta gamma di proposte che, per chi ha voglia di conoscere e sperimentare particolarità e tipicità Made in Italy, è assolutamente da non perdere.

Fishbar de Milan non è solo questo, al suo interno si trova un mondo diverso, un mondo incantato, che si distacca completamente da quello frenetico ed incessante che caratterizza Milano, che fa immergere i clienti in un meraviglioso spazio marino introvabile in qualsiasi altro luogo della città.

Indira Fassioni

INFO:

Fishbar de Milan – via Montebello,7 Milano

Aperto tutti i giorni dalle 12.00 alle 15.00 e dalle 20.00 alle 24.00

tel. 02/62087748

info@fishbar.it

www.fishbar.it

 

 

 


Food, Il giardino delle delizie

Pescheria Mattiucci

17 marzo 2015 • By

Un delizioso ristorantino di pesce, dall’atmosfera accogliente e intima. La Pescheria Mattiucci saprà coccolarvi nel modo giusto.

 

In via Vincenzo Monti a Milano, zona di classe al tempo stesso accessibile e lontana dalla movida meneghina, si trova la Pescheria Mattiucci. Un locale piccolo e raffinato, caratterizzato da un arredamento composto da pezzi unici, mobili antichi, porcellana inglese, posate e bicchieri vintage.

 

La Pescheria Mattiucci è una famiglia di piccoli pescatori. L’idea nasce da Luigi Mattiucci, classe 1979, giovane uomo che conosce questo antico mestiere ma non viaggia più sulle barche. Decide invece di fidelizzare e raggruppare piccole flotte di pescherecci in linea con i valori del commercio equo solidale.

 

Una volta acquistato il pesce, viene utilizzato nei nuovi luoghi di lavoro, Napoli (pescheria e aperitivo), Londra (ristorante), Milano (bistrot e ristorante). Pulito, tagliato, unito ad odori della terra, cotto secondo le ricette della tradizione italiana, il pesce e’ qui pronto per essere mangiato.

 

Il menù prevede pochi piatti semplici, ma eccezionalità in qualità e freschezza. Tra questi, un ottimo crudo mediterraneo con ricciola, tonno e gamberi freschi, alici con straccetti di mozzarella campana oppure con provola e papaccelle; tortino di riso vialone nano con cozze e patate. Immancabili le polpettine di pesce, così come l’hamburger di mare.

Vi è anche la possibilità di menù degustazione a base di tapas di pesce.

 

Orari

Lunedi: 11.00 – 15.00
Martedì – sabato: 11.00 – 15.00 / 18.00 – 23.00
Domenica: chiuso

Pescheria Mattiucci

Via Vincenzo Monti 56
02/48009316
www.pescheriamattiucci.com/milan

 

 


Food, Il giardino delle delizie

Nerospinto va in trasferta a Bologna

10 marzo 2015 • By

Sta arrivando la primavera e le gite fuori porta con un bel sole diventano quasi d’obbligo. E noi di Nerospinto non siamo certo da meno. La prima tappa che ci concediamo è la bella Bologna, tre orette in auto da Milano per raggiungere questa città-provincia veramente a misura d’uomo, dove il buon vivere si coniuga inevitabilmente anche attraverso la buona cucina.

I locali che abbiamo provato sono due: Banco 32 e Noir – pescheria con cucina.

Il primo è un ristorantino inaugurato esattamente un anno fa, che appartiene al progetto di riqualificazione del Mercato delle Erbe del capoluogo emiliano, una straordinaria iniziativa che mira a fare dell’area centrale la sede vincolata esclusivamente al mercato cittadino, mentre le aree laterali sono dedicate ad attività eno-gastronomiche più attrattive per i bolognesi e i turisti. Un rinnovamento del Mercato delle Erbe, che punta anche ad adottare una ricetta contro la depressione con la riscoperta della bellezza di un quartiere storico. Banco 32 si trova nel Mercato Coperto di via Ugo Bassi. L’interno è molto carino e curato, dall’aspetto il locale rispecchia la stessa filosofia dell’offerta gastronomica, con colori tenui e un arredamento moderno che, attraverso la scelta attenta di forme e materiali, ben si amalgama ed integra con l’ambiente circostante.  Il menù viene deciso quotidianamente in base alla disponibilità delle materie prime, tutte a “metro zero”: gli ingredienti provengono, infatti, dal mercato che si trova a pochi passi dal Banco 32. Aperto dalla mattina presto fino a sera inoltrata, solitamente il menù è a base di pesce e verdure (buonissimo il cartoccio con alici fritte e verdure julienne), le quali sono utilizzate anche per degli ottimi piatti vegetariani. Tutte le pietanze si possono gustare sia al tavolo che al banco, accompagnate dall’aperitivo con stuzzichini di qualità, oppure è possibile acquistare i piatti per l’asporto o ordinarli con la consegna a domicilio, effettuata naturalmente con mezzi eco-friendly come la bicicletta. Anche la selezione enologica è molto attenta alla realtà biologica, essa propone, infatti, buone etichette nazionali. La carta offre anche birre italiane artigianali, e dolci squisiti rigorosamente fatti in casa. La gestione di Banco 32 è affidata al trio composto dallo chef francese Lionel Joubaud, da Maurice Kavanagh e Paola Donati. L’obiettivo dichiarato dei tre gestori è garantire il giusto equilibrio tra sostenibilità, qualità e prezzo, oltre a quello di ridare importanza e un bell’aspetto alla zona del Mercato Ugo Bassi, e noi di Nerospinto crediamo che ci siano riusciti sul serio.

Banco 32

Via Ugo Bassi 23, Bologna

tel: 051269522

pagina fb: https://www.facebook.com/pages/BANCO-32/481451281972550?fref=ts

Il secondo ristorante che abbiamo testato a Bologna è Noir – pescheria con cucina in Piazza dei Tribunali, il secondo locale aperto lo scorso settembre da Marco Fadiga. Il celebre chef bolognese ha lanciato la campagna ironica “Più Fadiga per tutti”, in seguito alla chiusura del suo famosissimo Bistrot: una pubblicità diretta e forte, dedicata alla creazione dei due nuovi ristoranti: l’Osteria del Mare e Noir, appunto. Una personalità curiosa, quella di Fadiga, sempre alla ricerca di nuovi stimoli, che con le due nuove aperture ha deciso di rinnovare il rapporto qualità prezzo in un modo molto particolare: a partire da un’equazione 20-60 vs 60-20, ne risulta che all’Osteria del Mare si spendono in media 20 euro a testa e sono disponibili 60 coperti, mentre al Noir succede il contrario, 60 euro in media è il prezzo e 20 (18 per la precisione) sono i coperti. Noir – pescheria con cucina è il più raffinato dei due locali, il suo punto di forza è senza dubbio il pesce freschissimo e cucinato in maniera impeccabile: dai crostacei ai crudi di pesce accompagnati da una vasta e prelibata scelta di champagne. Ottimo il sashimi di orata al passion fruit e sale grosso, e la vellutata di scampi è assolutamente eccezionale. Da provare sono anche il celebre risotto al Dom Perignon, ma anche i tortellini con fonduta di Parmigiano e il Mac Lobster, che designano un’offerta ineguagliabile in città. Come dessert abbiamo provato la creme brulé assolutamente divina con uno spiedino-stecchino di frutti di bosco. Insomma il Noir è un ristorante molto intimo ed esclusivo, con piatti freschi, moderni e gustosissimi. L’arredamento è fantasioso, con l’assemblaggio di elementi molto diversi tra loro sui toni del nero e oro, è presente persino un dehor estivo dove ci si può accomodare anche soltanto per sorseggiare un cocktail. Inoltre durante alcune serate viene proposta una speciale music dinner a partire dalle 22.30. Un ristorante (ultra)chic e raffinato (“ultrachic e abbastanza cheap” è, infatti, il simpatico sottotitolo pensato dall’irriverente Fadiga), dove però non troverete un menù ricco di nomi lunghissimi e sconosciuti, ma piuttosto una gustosa semplicità ottenuta anche grazie agli ingredienti ottimi.

Aperto da lunedì a sabato 12-14 18.30-23

chiuso la domenica

Noir – pescheria con cucina

Piazza dei Tribunali 5/3

Bologna

Tel: 3426715799

Pagina fb: https://www.facebook.com/noir.marcofadiga?fref=ts

E per chi ama l’arte e vuole trascorrere un weekend a Bologna, consigliamo la meravigliosa mostra su David Bowie. http://www.nerospinto.it/2015/david-bowie-heroes-le-foto-di-sukita-in-mostra-a-bologna/