Browsing Tag

porta romana

Food

Come al mare… ma al Fishbar de Milan

20 aprile 2018 • By

Fishbar de Milan, il concept store di ristorazione ricercata e allo stesso tempo informale, dopo il successo in Brera e quello a Courmayeur e a Porto Quatu in Sardegna, apre i battenti in una delle zone da sempre più in di Milano: Porta Romana.

Simile nell’aspetto all’originale versione di Brera, questa seconda apertura milanese di Fishbar prevede un menù ricco delle più fresche prelibatezze del mare, cucinate seguendo sia la tradizione italiana che quella esotica. Ma la punta di diamante di questo nuovo locale in Porta Romana saranno gli aperitivi: a base chiaramente di pesce, tanto cotto quanto crudo, potranno essere accompagnati da gustosi cocktail studiati ad hoc dal mixologist Giuseppe Russo.

Restaurant & Lounge bar che perfettamente si adegua ai gusti e alle esigenze del pubblico milanese più al passo con i tempi, Fishbar de Milan è un locale di tendenza, accogliente e informale, in cui soddisfare il proprio palato con delicatezze e abbondanze di ogni tipo, tutto rigorosamente dal mare. Gamberi viola di Mazzara, Salmon Steak con insalatina di alghe e patate al forno, carpaccio di ricciola con broccolo in agrodolce e dressing alla birra, Fish&Chips di cuore di merluzzo impanato con pane panco accompagnato da patatine stick al curry… da Fishbar de Milan è davvero possibile trovare qualsiasi prelibatezza marina per un’esperienza sensoriale oltre l’immaginazione: il gusto appaga il palato, l’attenzione al dettaglio soddisfa la mente.

A coronare il tutto poi, l’attenta selezione di vini e birre apprezzabile anche dai più pretenzios

i appassionati in materia, che perfettamente si sposa con i piatti pensati dallo chef del locale.

Ma Fishbar de Milan non è solo questo, al suo interno si trova un mondo altro: un luogo quasi incantato, che si distacca completamente dalla Milano che tutti conosciamo e fa immergere i clienti in un meraviglioso spazio marino introvabile in qualsiasi altro luogo della città.


Food

SORRY MAMA: IL TEMPIO DELLE LASAGNE

9 maggio 2016 • By

Ogni domenica ho una missione in giro per Milano: food hunting alla ricerca dei posti più buoni, carini e speciali della città. Mi chiamo Indira, ma ogni settimana mi trasformo in foodiehunter.
Questa settimana ho deciso di lanciare una sfida ai miei amici Roberta e Antonio di IMurr. Tutti e tre avevamo voglia di cucina tradizionale, così ho pensato di portarli ad assaggiare le lasagne più buone della città. Ma non solo della città: ho infatti scommesso con loro che avrebbero assaggiato un piatto che supera anche la ricetta delle loro mamme.
Loro all’inizio erano diffidenti, voi lo sareste?
Siamo andati in Corso di Porta Romana, da Sorry Mama, il tempio delle lasagne.
L’idea di questa deliziosa lasagneria artigianale, venuta a Luca Arcoini e Roberto De Santis, è innovativa: sono proposti ogni settimana cinque tipi di lasagne, di cui tre non variano mai, sono fisse: Emilia, la classica lasagna bolognese, Franca, la ligure con con pesto alla genovese e fagiolini,ed Elsa, la vegetariana-vegana, con sfoglia di farro, besciamella vegetale e ratatouille di verdure e olive nere.
Sorry Mama offre un format unico, è un mix fra bistrot streetfood e take away: è infatti possibile gustare le lasagne nel piccolo locale, o portarle a casa.
Noi abbiamo deciso di farci coccolare accomodandoci al tavolo, ma pensate che è possibile acquistare le squisite lasagne nella versione già cotta o in quella ancora da cuocere. Stiamo pensando di tornare per portare a casa tutti i gusti che non siamo riusciti ad assaggiare. Bastano 12 minuti nel forno di casa.
Le ricette sono solo apparentemente le classiche che mamme, nonne e zie hanno cucinato ogni domenica: i cuochi sanno reinventarle, alleggerirle e innovarle, e il risultato è da leccarsi i baffi.
Tutto è cucinato con cura e attenzione e scaldato sotto gli occhi dei clienti: è stato a questo punto che abbiamo capito che avevamo scelto non solo il posto, ma anche i gusti migliori.
Noi, per essere sicuri che le lasagne di Sorry Mama fossero davvero impareggiabili, abbiamo deciso di provare il grande classico: EMILIA la bolognese con ragù’ fatto in casa e che abbiamo deciso di prendere in vasetto da provare a casa.
Poi ci siamo sbizzarriti e abbiamo assaggiato CLAUDIA, con besciamella alle punte di asparagi freschi: che piacevole scoperta!
Non avevamo mai gustato un piatto di lasagne agli asparagi, e abbiamo deciso che poco alla volta vogliamo provare anche tutti gli altri gusti.
Per finire abbiamo assaggiato la lasagna vegana ELSA a base di farina di farro, ratatouille di verdure, e besciamella con latte di SOIA : una vera specialita’ non solo per i vegani.
Abbiamo avuto l’acquolina in bocca per tutto il tempo, quindi ora vogliamo farla venire anche a voi: Livia, Adriana, Rosy.
Questi potrebbero sembrare solo dei nomi, ma se vi dicessi che in realtà Livia è una sfoglia al nero di seppia, besciamella, latte di cocco e gamberi al curry; Adriana ha crema di carciofi e ricotta cuori di carciofo capperi di Pantelleria e Rosy è fatta con sfoglia di tritordeum, broccoli e salsiccia di Norcia?

Per saperne di più cliccate su http://www.imurr.com/food-hunting-sorry-mama-il-tempio-delle-lasagne/

Photos by MURR

SORRY MAMA Lasagneria Artigianale
Corso di Porta Romana, 79. Milano.
T 0287396653.
Aperto da lunedì a sabato dalle 12 alle 15 e dalle 18 alle 22.


Food, Il giardino delle delizie

OPA – il primo Balkan Food di Milano

30 ottobre 2015 • By

Siete già nostalgici del vostro ultimo viaggio in Croazia? Non riuscite a dimenticare i paesaggi e l’atmosfera della Slovenia? Ma soprattutto … avete ancora voglia di una pita bosniaca? Nessun problema. A Milano è nato OPA Balkan Food.

 

OPA – esclamazione diffusa in tutta l’Europa dell’est, la cui traduzione va dal “su!” al “wow!” – è una parola breve, concisa ed entra in testa. È un locale piccolo, che fa cibo d’asporto – seppur munito di tre tavolini per un “boccone e via”- ed è caldo, semplice ed accogliente. Poco pretenzioso e non in tutto al passo con le tendenze del momento, non avrà la tovaglietta firmata, il piattino in cellulosa e la posata di legno ma cerca piuttosto la bontà del prodotto, senza rinunciare alla qualità, pur stando in prezzi nella media accessibili.

 

A Milano lo Street Food si è ormai affermato in tutte le sue sfaccettature …o quasi, perché di locali “di strada” che facessero cucina balcanica ancora non se ne erano visti.

 

L’idea geniale – come afferma con orgoglio la giovanissima proprietaria – è venuta a Valentina Brianza, che un anno fa decide di lanciarsi in questa avventura, per poi aprire OPA ai primi di ottobre.

 

Originaria del Montenegro, Valentina arriva in Italia a due anni, prendendo il suo cognome tipicamente milanese dalla famiglia adottiva. Crescendo matura la curiosità di riscoprire le sue origini e nel 2012 va per la prima volta a visitare parenti biologici e amici in Serbia, iniziando un lungo percorso personale ricco di emozioni, incontri, viaggi e racconti. In meno di un anno impara il serbo, indispensabile per comunicare con i famigliari e da tre anni si Valentina si reca regolarmente in Montenegro, Bosnia, Croazia e Slovenia. In omaggio alle sue terre d’origine, Valentina decide di aprire un locale a Milano che proponesse cucina balcanica. Di più. Valentina ha voluto dare ai chi come lei, originaria dei Balcani, ma di fatto milanese, fosse nostalgico di quei sapori e desideroso di un posticino caldo, accogliente, in cui gustare una buona porzione di burek, o portarne a casa 4 e condividere una cena etnica con gli amici. L’obiettivo di Valentina è stato anche quello di dar vita a un locale in cui ritrovare un prodotto assaggiato in “quella vacanza in Croazia tempo fa”, o quelle cose che “ogni volta che vado in Croazia ne mangio un sacco”, un luogo di ricordi, racconti, viaggi e sapori autentici.  Così nasce OPA Balkan Food.

 

Ed eccoci finalmente ai piatti.

 

Il menù propone cibi semplici e popolarissimi in tutti i territori dei Balcani nord-occidentali, come le pite bosniache che – a differenza di quelle greche – sono torte salate o dolci, senza lievito. L’impasto molto sottile viene arrotolato su una striscia di ripieno (di carne, di verdure o di frutta) e disposto a spirale sulla teglia. Quella più popolare in Bosnia è il burek, pita ripiena di carne bovina insaporita con cipolla, aglio, un pizzico di pepe e sale. Insalatine o insalatone, come la greca, la bulgara (shopska) e la serba (srpska).

Non poteva mancare il caffè alla turca, quello che se non si aspetta qualche minuto si beve tutta la polvere non depositata.

La sera è possibile fare anche un piccolo aperitivo: assieme alla bevanda – va per la maggiore la birra Laško – viene servito un piattino con formaggi misti, affettati balcanici e la vera protagonista: la salsa “ajvar”, di marchio OPA, a base di peperoni grigliati.

 

Luogo ideale per una pausa pranzo veloce, per un aperitivo con un’amica, per una cena pre o post cinema, ma anche per soddisfare le fami notturne!

 

Lucia Lanzini

OPA Balkan Food
Viale Bligny 43, Milano
3382940315
Valebrio86@hotmail.it
www.opabalkanfood.it

 

Lunedì-giovedì: 12.00 – 15.00
19.00 – 23.00
Venerdì: 12.00 – 15.00
19.00 – 01.00
Sabato: 19.00 – 01.30
Chiuso la domenica

 


Food, Il giardino delle delizie

Mariù – kebabberia gastronomica

27 febbraio 2015 • By

Mariù è la prima kebabberia gastronomica in Italia, nata a Milano, che ha rivoluzionato il modo in cui fino ad oggi è stato percepito il kebab.

Il nome è il diminutivo affettuoso di Mariuccia, la donna a cui Vittorio De Sica dedicò la nota canzone degli anni ’30. L’idea geniale, invece, è di Riccardo Cortese, 32 anni, originario della provincia di Caserta, territorio ricco di tradizioni culinarie e di Federico Pinna, 34 anni, nato a Cagliari che dopo gli studi alla Bocconi, si è lasciato affascinare dal mondo del cibo e del retail nelle varie nazioni, viaggiando sempre con spirito critico.

Qualità è la parola d’ordine: la carne, italiana al 100%, non è tritata ma infilata nello spiedo in pezzi interi, scelti uno ad uno. Lo spiedo, di pollo o di vitello, è realizzato secondo la ricetta di Mariù in cui la carne è condita solo con sale, pepe, ed un mix di spezie mediterranee a base di rosmarino e salvia, senza aggiunta di conservanti, insapori tori o prodotti chimici. Gli ingredienti da abbinare alle carni sono quelli delle piccole gastronomie di tutta Italia: verdure fresche, creme, verdure sott’olio e salse.

Da Mariù la cucina è ispirata dalla tradizione italiana, coniugando la preparazione della carne, in verticale alla maniera mediorientale, con ingredienti nuovi per questo piatto in un perfetto mix delle due tradizioni culinarie.

La formula – originale e divertente – è costruisci il tuo kebab.

Si può scegliere il kebab con quattro ingredienti classici (lattuga, cipolla, pomodoro, cetriolo, salsa yogurt, harissa); oppure gastronomici (soia, frutti del cappero, peperonata, friarielli, guacamole, salse verde rossa tonnata caesar nduja, crema di carciofi di zucca di zucchine di olive, pomodori secchi…) Aggiungi la carne (pollo, vitello, vegetariano).Quindi il pane (arabo, puccia salentina, piadina, piadina sfogliata).

E se hai voglia altre possibili aggiunte (formaggi, lardo, crema tartufo, mostarda, uvetta).

Mariù si colloca perfettamente nell’odierno scenario milanese, fatto di street food riqualificato, di giovani, e meno giovani, che si aspettano di mangiare bene partendo da prezzi contenuti. Dopo l’hamburger, diventato in questi due anni il piatto preferito dai milanesi, la kebabberia Mariù è riuscita a sdoganare e a “gourmetizzare” un panino di carne considerato poco pregiato.

 

Mariù: kebabberia gastronomica

Viale Sabotino, 9
20135 Milano
Tel: +39 0258433013
www.mariukebab.it
sabotino@mariukebab.it

 


Clubbing, Il giardino delle delizie, Nerospinto Fine Selection

Easter Brunch @ The Room

16 aprile 2014 • By

The Room presenta EASTER BRUNCH!

Un brunch unico, sorprendente e particolare vi aspetta domenica 20 Aprile presso The Room Milano, il locale nel cuore di Porta Romana, che ospita al suo interno un bellissimo giardino d’inverno ed un esclusivo ristorante di street food internazionale.
Una giornata all’insegna dell’arte e del cibo per passare una Pasqua speciale.

Lo Chef Fernandez preparerà delizie di street food!
Il nostro brunch internazionale permette d’intraprendere un viaggio ricco di sapori che condurrà dall’Europa fino all’America. Le nostre specialità vegetariane, i nostri favolosi centrifugati e i dolci incredibili rendono ancora più speciale e gustoso il brunch.

Per questa domenica un menù con PREZZO SPECIALE di 35 € che comprende:
– una bottiglia di vino ogni due persone
– un piatto ricco di sapori e diverse specialità internazionali
– pane home-made con diverse marmellate artigianali e burro
– succo di frutta
– acqua
– caffè americano

Per maggiori informazioni visitate l’evento su Facebook: https://www.facebook.com/events/489266387840636/

Non sapete cosa fare a Pasqua? Volete fare qualcosa di diverso dal solito pranzo? Il brunch di The Room è l’evento giusto per voi!

É consigliata la prenotazione: 0258319839 – 3338864490 – info@theroomilano.com
*HASHTAG UFFICIALE: #MiLadyBrunch

The Room 
Special media partner: Nerospinto – www.nerospinto.it
Press office: Rosaspinto – Indira Fassioni

The Room è anche spazio eventi tramite Spazio Giulio Romano 8
Aperto dalle 20.00 alle 02.00

FB: spaziogiulioromano8
FB: theroomilano

Info e Prenotazioni: 334 3951406334 3951406/02 5831983902 58319839
Indira Fassioni: 333 8864490333 8864490

Special thanks to:
www.theroomilano.com
www.rosaspinto.it

Call
Send SMS
Add to Skype
You’ll need Skype CreditFree via Skype